L’IDEOLOGIA FEMMINISTA AL COMANDO DELL’OCCIDENTE

Secondo la vulgata femminista, che ormai è diventato il discorso imperante nell’intero Occidente, “se a ricoprire i posti di comando ci fossero le donne il mondo sarebbe migliore”. Molto migliore.

Bene, ora al timone dell’Unione Europea e della Germania ci sono 3 donne, che sono lì a ricoprire quelle cariche unicamente in quanto “femmine” e non in base a meriti particolari.

E vi è mancato poco che, per le stesse fanfaluche sessiste, diventasse presidente degli Stati Uniti anche Hillary Clinton. Un pericolo scongiurato per il rotto della cuffia, come suol dirsi.

Se la società europea ed occidentale è sprofondata a questo livello è perché da decenni viene corrosa alle fondamenta, oltre a diverse altre questioni non meno gravi, da una simile ideologia nefasta e manichea.

Prima si apriranno gli occhi di fronte a tali aberrazioni ideologiche e prima si potrà riguadagnare la linea di galleggiamento.

I “PIENI POTERI” CHE PIACCIONO TANTO ALLA SINISTRA

Quando meno di un anno fa Matteo Salvini invocò i “pieni poteri”, le vestali della democrazia bollarono la sua uscita come una specie di proclama dittatoriale.

Oggi, quegli stessi sinistrati ripetono in coro che servono i pieni poteri per gestire l’emergenza, che non si può concepire l’idea che il capo indichi una direzione e un generale vada dall’altra parte. Non si scandalizza più nessuno.

La retorica è: “Siamo in guerra, ci vuole il coprifuoco”. E in guerra comanda uno solo attorniato dai suoi fidi scherani.

La Costituzione “più bella del mondo” è sospesa. L’Unione Europea, in questo come del resto in altri momenti cruciali quali l’inviasione migratoria dal Terzo Mondo, è brillata per la sua totale assenza e menefreghismo, e così ogni Stato è costretto a fare tutto da sé.

Basterebbe quindi una spallata decisa e tutto l’edificio oligarchico che impera a Bruxelles verrebbe giù di botto.

Ma è una cosa che i maggiordomi del governo giallo-fucsia non faranno mai. Ci mancherebbe!

Il tempo è comunque più che maturo, come osserviamo da tempo.

Arriverà il giorno in cui tutti i conti verranno al pettine.

I SUCCESSI DELL’ACCOGLIENZA SENZA LIMITI AL TEMPO DEL CORONAVIRUS

Tra i tanti argomenti spariti dal chiacchiericcio mediatico c’è anche quello dei clandestini presenti in Italia, che secondo quanto dichiarato pochi mesi fa dal capo della polizia, Franco Gabrielli, potrebbero essere 1.993.466, ovvero il 3,3% dell’intera popolazione italiana.

E con un’Italia trasformata in zona rossa, quale misure di profilassi e controllo sono state adottate nei confronti di queste persone circolanti sull’intero territorio statale? Silenzio, notizia non pervenuta.

Vi è poi sempre la questione degli zingari che continuano a rovistare nei cassonetti in quasi tutti i quartieri delle città, mentre subentra un’altra emergenza legata alla sicurezza: gli appartamenti vuoti delle case popolari presi d’assalto dalle famiglie rom.

E con le forze dell’ordine impegnate a tartassare di multe i cittadini italiani colpevoli d’essersi allontanati troppo da casa per fare la spesa…

Tra degrado, terrore istituzionale, paura e violazione delle più basilari norme igieniche, come ne uscirà questo Paese sull’orlo del baratro?

Resta, anche se non stupisce più di tanto, il silenzio e l’omertà da parte di chi si è intestato il “successo e la promozione dell’accoglienza italiana”.

Con i risultati che tutti quanti possono apprezzare!

LE PRIORITA’ “UMANITARIE” DEL CONSIGLIO D’EUROPA

Julian Assange, chi è costui? Uno che ha passato quasi per intero gli ultimi 10 anni segregato in una stanza d’Ambasciata dell’Ecuador a Londra e ora è recluso dentro un carcere di massima sicurezza in attesa d’essere estradato negli Stati Uniti.

La sua colpa? Avere diffuso materiali segreti e classificati su diversi potenti del mondo, tra cui l’aspirante presidente Hillary Clinton.

Cioè in pratica Assange rischia l’ergastolo per avere fatto quello che dovrebbe fare ogni vero giornalista ma che si guardano bene dal compiere. Mica scemi!

E per questo ha pagato e sta pagando un prezzo altissimo, a rischio della sua stessa vita. Ma di questo agli euroinomani e ai paladini dei “diritti umani” non frega assolutamente nulla.

Gli interessa invece molto il direttore de “la Repubblica”, uno dei massimi organi di regime che sforna fake news a ritmo industriale come pochi altri quotidiani al mondo, il quale è sotto “massima sorveglianza” per degli insulti ricevuti da “gruppi nazisti” ed è “stato inserito sulla piattaforma per la protezione dei giornalisti creata dal Consiglio d’Europa. Questo implica che le autorità italiane dovranno rendere conto dell’inchiesta condotta per identificare e processare gli autori delle minacce”.

Capito quali sono le priorità del Consiglio d’Europa?

LO SMANTELLAMENTO DELL’ITALIA VOLUTO DALLA CRICCA DEI SINISTRI

Dal 2010 a oggi sono stati tagliati 70mila posti letto e chiusi 175 ospedali, ciò vuol dire che ogni regione ha perso più o meno una decina di ospedali con pesanti ricadute sui cittadini.

Eclatante il caso del Forlanini a Roma, che il PD guidato dal governatore del Lazio Zingaretti vuole trasformare in un lussuoso centro per le ONG.

Nello stesso periodo di tempo si sono invece aperti 9.282 centri di accoglienza per migranti che hanno ospitato centinaia di migliaia di allogeni con picchi di oltre 200mila e che ancora oggi, in pieno dramma con ospedali che stanno esplodendo, continuano a mantenere oltre 90mila “richiedenti asilo”. Numeri che hanno dell’impressionante.

Non è un caso che il taglio di 37 miliardi di euro per la Sanità abbia coinciso con la spesa di 25 miliardi in accoglienza.

Ed è la stessa cricca di burocrati che sta gestendo, coi risultati che vediamo, l’emergenza Coronavirus. Tirate voi le somme!

LA NUOVA SANTA INQUISIZIONE S’AVANZA…

Il “Patto Trasversale per la Scienza” di Burioni è la nuova Santa Inquisizione.

Chi osa pensarla diversamente da lui e dal suo sodalizio di burocrati in camice bianco, che evidentemente si sentono la Scienza Incarnata, viene denunciato con minaccia di pagare salate multe e/o finire in carcere.

E insieme a lui tutti coloro che gli danno la possibilità di esprimere le proprie idee.

Sono cioè la negazione della Scienza in quanto tale, perché essa si fonda proprio sul principio di falsificabilità e sulla libera discussione.

Ma essi pretendono invece la censura, perché nella loro concezione “scientifica” è così che deve rappresentarsi la Verità Ufficiale di cui essi si credono gli unici portatori.

Il nuovo oscurantismo che avanza insieme a tutto il resto…

L’EMERGENZA CORONAVIRUS COME OCCASIONE PER SPREMERE ANCORA DI PIU’ LA POPOLAZIONE

Siamo a oltre 100mila denunce e multe per aver violato le restrizioni domiciliari imposte dalla Junta Conte.

Cioè, ricapitolando, cosa fanno governo, forze dell’ordine, esercito e sistema dei media per dare conforto alla popolazione stremata da una quarantena di cui non si vede la fine?

Ma è ovvio, sigillano tutti in casa e fanno multe salatissime ai cittadini “disobbedienti” che osano trasgredire gli ordini impartiti via etere.

Ordini che tra l’altro cambiano in continuazione generando sempre più panico tra la gente.

Anche in occasioni tragiche ed esasperanti come questa mettono in pratica l’unica cosa che sanno fare straordinariamente bene: ricattare e togliere dalle tasche dei cittadini tutto quello che possono.

E in questo, bisogna riconoscerlo, la cosca degli statalesi è di una coerenza e spietatezza ineguagliabili.